Archivio per Categoria header

DiSara Branchini

Giornate Nazionali di Siamo Tutti Pedoni: si comincia da Roma!

Speciale presidio di over 65 ieri 16 maggio accanto alle strisce pedonali di piazza Bologna: è l’appuntamento romano della campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada Siamo Tutti Pedoni, promossa dai sindacati dei pensionati SPI Cgil, FNP Cisl, UILP Uil e dal Centro Antartide di Bologna. Una “critical mass” per proporre a tutta la città un uso diverso delle strade, che metta al centro la vivibilità e la pedonalità.

Riprende il tema della decima edizione di Siamo Tutti Pedoni il curioso presidio che ha visto ieri in piazza Bologna a Roma diverse decine di over 65, impegnati nella distribuzione di materiali, in alcuni lenti attraversamenti “simbolici” della strada sulle strisce pedonali e in una “pacifica” occupazione dello spazio pubblico. Al centro della campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada di quest’anno, infatti, c’è la riflessione sulle “strade complete”, un nuovo modello da importare per progettare le nostre città, strade vivibili, che consentono la condivisione, l’accessibilità e la sicurezza di tutti gli utenti della strada. Proprio a partire dai più anziani: è infatti tra gli over 70 che si concentra il maggior numero di vittime e tra i quali si registra il maggiore incremento del numero di persone coinvolte in incidenti stradali come pedoni.
Siamo Tutti Pedoni, la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada, è promossa dal Centro Antartide di Bologna e dai sindacati dei pensionati SPI Cgil, FNP Cisl, UILP Uil, presenti oggi in piazza con questo punto informativo e di confronto nel contesto del quale hanno anche allestito alcuni spazi di seduta “straordinari”: panchine improvvisate, a ricordare le vecchie sedie in plastica che in tanti paesi ancora “occupano” nelle ore estive d’estate le aree fuori dai portoni, e che raccontano di un modo radicalmente diverso di vivere lo spazio pubblico, basato sulle relazioni, sulla lentezza e sulla comunità e che si contrappone all’immagine della maggior parte degli spazi urbani in cui, troppe volte drammaticamente, le auto impongono la loro priorità.
Negli ultimi anni la campagna, insieme alla rete nazionale di attori, associazioni, enti locali e ASL che aderiscono all’iniziativa, sta infatti lavorando per cambiare il modo stesso di pensare e organizzare le nostre città. Un passo avanti è il titolo di questa edizione (con il patrocinio di Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero della Salute, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Anci e Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale della Regione Emilia-Romagna) che si sviluppa attraverso speciali materiali, come la pubblicazione che include approfondimenti, vignette e messaggi dei testimonial, l’attività sui social e gli eventi di urbanismo tattico che stanno accendendo diverse città in tutta Italia: ieri appuntamento anche a Catania mentre nei prossimi giorni si accenderanno speciali azioni a Udine – in una speciale collaborazione tra Siamo Tutti Pedoni e Udine sta bene in strada – e a Bologna con Strada Libera tutti.

DiSara Branchini

Udine sta bene in strada: i prossimi step

Entra nel vivo il progetto sperimentale avviato a Udine per ripensare città a misura di tutti a partire da chi si muove a piedi. A seguito di un’indagine svolta presso il Quartiere Aurora sulla percezione della qualità del territorio che ha coinvolto gli studenti delle scuole del quartiere e le loro famiglie sono state pianificate attività intergenerazionali che arriveranno a toccare anche il centro storico della città

Promuovere città più sicure, sane, accessibili, vivibili e sostenibili  a partire dalla camminabilità: Udine è da qualche mese protagonista di un percorso che unisce l’attenzione al territorio e quella alla comunità con una metodologia che è un’assoluta novità a livello nazionale: si tratta del progetto sperimentale “Udine sta bene in strada” avviato già da diversi mesi dai Sindacati pensionati SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil della città con il supporto del Centro Antartide e la collaborazione del Comune di Udine.

Il progetto si sta interessando dell’area di piazza San Cristoforo e del Quartiere Aurora con un approccio innovativo che prevede il coinvolgimento attivo della popolazione con la finalità di migliorare il territorio attraverso la creazione di reti, l’attivazione di relazioni fra i diversi attori territoriali e soprattutto un dialogo permanente fra Istituzioni, Sindacati e gli altri attori territoriali (dai negozianti all’Università, dall’associazionismo ai residenti, ecc…) per ragionare su luoghi e modalità di intervento per migliorare la città.  In questi mesi sono state organizzate passeggiate di quartiere e altre iniziative di incontro oltre ad un’indagine sulla percezione della vivibilità degli spazi pubblici delle due aree coinvolte nel progetto.

L’indagine ha avuto l’obiettivo di indagare la percezione della cittadinanza su aspetti sociali ed ambientali della vivibilità. I dati, che hanno integrato quelli emersi dalle analisi del progetto CESBAMED, hanno messo in luce una sensazione complessivamente positiva del territorio e hanno reso possibile l’individuazione di alcune azioni prioritarie per lo sviluppo locale: dal potenziamento delle funzionalità delle aree verdi, che si configurano come luoghi non solo di passaggio di sosta e quindi con una necessaria offerta di servizi e attrezzature, all’approfondimento del tema dei servizi in senso lato, con particolare attenzione all’ambito culturale e ai giovani. Da questa analisi nasce la prospettiva di costruire percorsi con un forte taglio intergenerazionale (che uniscano giovanissimi, anziani e famiglie), il primo passo per rilanciare una rete di comunità che  possa rafforzare il capitale sociale del territorio.

Diverse le iniziative in programma per le prossime settimane: laboratori per i bambini della scuola primaria “A. Friz” e della scuola secondaria di I grado “E. Bellavitis”, interventi di urbanismo tattico temporaneo (il ripensamento di alcuni spazi attraverso la costruzione e la creazione di arredi o altre modifiche all’organizzazione urbana di rapida realizzazione e a basso costo), passeggiate in Centro Storico per i bimbi che saranno guidate dagli anziani, attività aperte alle famiglie in cui saranno invece i bambini a mostrare alcune zone della città e ancora il supporto alle attività di ciclofficina della scuola secondaria Bellavitis aperte anche ai più piccoli e i corsi per l’insegnamento dei giochi di carte che gli over 65 terranno per i più giovani. Si pensa anche, ad esempio, a valutare con l’Università la valorizzazione per i cittadini di giardini come quello dell’ex-sede della Banca d’Italia piuttosto che quello di Palazzo Antonini-Cernazai sede del Polo umanistico e della formazione.

Tante insomma le idee che stanno nascendo per creare nuove opportunità di vivere meglio tutti gli spazi pubblici della città in centro ed in periferia e soprattutto promuovere una città delle relazioni e della qualità della vita per tutti, anziani e più giovani. Il progetto rappresenta un’iniziativa pionieristica in questo ambito per approcci e attori coinvolti.

 

UDINE STA BENE IN STRADA: l’indagine  

Premesse

Il progetto “UDINE STA BENE IN STRADA” collegato anche al progetto CESBAMED ha inteso, con questo studio, costruire una base di conoscenza che permetta di pianificare una serie di interventi volti a migliorare la vivibilità di aree urbane con un particolare focus sul Quartiere Aurora. L’ambito su cui si è concentrato il lavoro è stato quello di analisi della percezione da parte della popolazione residente da mettere poi a confronto con gli indicatori oggettivi messi a punto nell’ambito di CESBAMED per arrivare quindi alla definizione di interventi più mirati.

L’analisi della percezione su un ambiente di vita, non solo dal punto di vista urbanistico ed ambientale ma anche sociale, è base fondamentale per poter operare in maniera più oculata su un territorio pur conoscendo e avendone analizzato altri aspetti più oggetti. Le persone hanno infatti la tendenza a far prevalere, nel vivere quotidiano e nelle relazioni, il proprio percepito piuttosto che o anche in contrapposizione al dato oggettivo. Il dato sul percepito diventa punto di partenza per un percorso di conoscenza e crescita che si interfacci con il dato oggettivo senza banalizzare o sminuire il punto di partenza (il percepito) che rimane elemento distintivo della soggettività di ciascun cittadino.

Obiettivo dell’indagine è stato quindi quello di raccogliere informazioni relative alla percezione sulla qualità e vivibilità degli spazi pubblici e più in generale dei servizi del Quartiere Aurora. I due target indagati sono stati da una parte quello degli studenti della scuola primaria “Friz” e della scuola secondaria I grado “Bellavitis” e dall’altra i loro familiari.

La metodologia utilizzata per la somministrazione dei questionari è stata diretta tramite un intervistatore per quanto riguarda gli studenti che, a loro volta, sono stati invitati ad intervistare un loro familiare o un’altra persona adulta di loro conoscenza. Complessivamente sono stati raccolti 122 questionari compilati dagli studenti delle scuole, 43 sono stati invece quelli restituiti e compilati dai genitori. I questionari sono stati somministrati nelle giornate del 5 e 6 novembre 2018.

 

I temi dell’indagine

AMBIENTI E COMFORT sono stati analizzati per raccogliere le impressioni degli intervistati relativamente agli ambienti esterni valutandone in particolare alcuni aspetti ambientali come presenza di zone d’ombra, vento, rumore, ecc…  Alcuni fattori influenzano fortemente lo stato di benessere e comfort in un ambiente di vita.

LE AREE VERDI sono state indagate attraverso una serie di domande che ne hanno analizzato vari aspetti (frequenza e periodo di utilizzo, estensione, accessibilità, attrezzature, sicurezza, presenza di alberi e zone fiorite). Le aree verdi rappresentano uno degli elementi fondamentali della vivibilità urbana non solo per i benefici ambientali ma anche per quelli paesaggistici e soprattutto sociali e relativi alla salute.

I SERVIZI sono stati analizzati sia per quanto riguarda quelli pubblici che quelli privati. Uno dei motivi che possono ridurre la vivibilità di un’area urbana è proprio la presenza di servizi che in caso di carenza o assenza limita fortemente la frequentazione degli spazi pubblici.

TRASPORTI E MOBILITÀ partendo dall’analisi dei mezzi di trasporto utilizzati in prevalenza per arrivare a quello che è il percepito rispetto alle possibilità di spostamento “dolce” (piedi e bicicletta) all’interno del Quartiere.

PERSONE E PAESAGGIO sono state indagate attraverso specifiche domande con l’intenzione di approfondire la percezione generale sia sul paesaggio che sulle persone che vivono nel Quartiere (quest’ultima è stata posta solo agli studenti).

 

Riflessioni conclusive

Il quadro articolato che è stato costruito tramite i questionari restituisce un contesto di complessiva soddisfazione per il contesto di vita. Tranne alcuni ambiti di cui discuteremo a breve risulta una certa corrispondenza fra le risposte degli studenti e quelle degli adulti; questo a significare una buona sintonia e radicamento del percepito che è stato dichiarato. Non si evidenziano in generale criticità o particolari contraddizioni se non rispetto alla sicurezza degli spostamenti e al servizio di trasporto pubblico.

Gli elementi su cui risulta interessante lavorare a seguito di un più approfondito confronto con i dati oggettivi relativi agli indicatori valutati, sono quelli rispetto alla dotazione degli spazi verdi e sportivi ed in parte agli spazi di gioco per rendere più fruibili. D’altra parte è necessaria una riflessione sul tema dei servizi ed in particolare, per l’attività che si intende sviluppare, degli spazi destinati al tempo libero.

Questa generale (parlando dei target coinvolti) percezione positiva dovrebbe essere valorizzata proprio nel costruire contesti, situazioni ed occasioni di collaborazione e costruzione di comunità per andare a costruire o rafforzare le relazioni ed il capitale sociale del Quartiere.

Con il termine “capitale sociale” si intende generalmente quel bagaglio relazionale e valoriale che un soggetto costruisce nel corso della propria esistenza in una determinata società. L’individuo, infatti, già nei primi anni della vita assorbe su di sé una serie di norme e di valori che gli derivano dall’essere parte di un nucleo famigliare e di una società.

Crescendo, dunque, il soggetto inizierà ad ampliare la propria rete di conoscenze ed a relazionarsi con individui dal bagaglio valoriale ed esperienziale diverso dal proprio. Entrando in contatto con soggetti differenti per esperienza e per conoscenza, l’individuo andrà ad accrescere il proprio capitale che si svilupperà all’interno della società.

Pertanto, un individuo che nel corso della propria esistenza si relaziona con altri soggetti, accrescerà le proprie conoscenze, permettendogli di perseguire fini altrimenti difficilmente raggiungibili.
Infatti, l’unione di soggetti dal bagaglio valoriale ed esperienziale diverso rende possibile risolvere problemi collettivi, facendo perno su reti relazionali e su capitali sociali che variano da individuo ad individuo.
Si consegna in questo modo un primo bagaglio di informazioni utili proprio a lavorare sul capitale sociale delle persone, tenendo in profonda considerazione la loro percezione del loro ambiente di vita per arrivare a migliorarne la vivibilità combinando una pluralità di fattori (ambientali, urbanistici, di animazione sociale, relazionali, ecc…).

 

Consulta il report complessivo qui

DiSara Branchini

10 anni di Siamo Tutti Pedoni: un passo avanti!

Riparte per il decimo anno consecutivo in tutta Italia la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada Siamo tutti pedoni promossa dai sindacati pensionati SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil e dal Centro Antartide di Bologna: quest’anno al centro la riflessione sulle “strade complete”, un nuovo modello da importare per progettare le nostre città, strade che consentono la condivisione, l’accessibilità e la sicurezza di tutti gli utenti della strada

Negli ultimi anni i dati sulla sicurezza dei pedoni sono arrivati tante volte alle prime pagine delle cronache nazionali e locali, anche in occasione dei purtroppo numerosi episodi sulle strade italiane: per il 2017 si è parlato di un incremento del numero di persone che hanno perso la vita mentre si muovevano a piedi sulle strade di oltre il 5% – l’aumento maggiore tra tutte le categorie di utenti della strada, con un totale di 600 vittime. E il 2018 non sembra presentare un miglioramento in questo senso: eclatante ad esempio il caso di Roma dove già ai primi di ottobre si registravano 43 decessi tra i pedoni, un record in negativo da diversi anni.

Segno che, ancora una volta, a fronte di un miglioramento complessivo della sicurezza sulle nostre strade, chi si muove a piedi sembra vedere invece la sua sicurezza (quella reale e quella percepita!) peggiorare di anno in anno, specialmente se si ha più di 70 anni: è infatti questa fascia di età che rappresenta quella più numerosa tra le vittime e quella sulla quale si registra il maggiore incremento del numero di persone coinvolte in incidenti stradali come pedoni rispetto agli anni precedenti. E’ per questo che come da 10 anni a questa parte Siamo Tutti Pedoni, la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada promossa dal Centro Antartide di Bologna e dai sindacati pensionati SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil torna a insistere su questi temi proprio nei mesi autunnali e invernali, più critici per chi si muove a piedi.

Non si parla però più di “sicurezza”. Come per le ultime edizioni la rete nazionale di attori, associazioni, enti locali e ASL che aderisce l’iniziativa lavora per portare una visione  più ampia di questo problema e che interessa il modo stesso di pensare le nostre città. “Un passo avanti” è il titolo di questa edizione che vede il patrocinio di Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero della Salute, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Anci e Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale della Regione Emilia-Romagna e che approfondisce da diversi punti di vista infatti il modello delle Strade Complete, un approccio orientato a creare strade vivibili e accoglienti per tutti, che si adattino al meglio alle comunità e ai contesti in cui si ineriscono e che favoriscono la camminabilità, la vivibilità e la convivenza tra diversi utenti della strada nonché il protagonismo di tutti.

Tanti i materiali attraverso i quali si sviluppa la campagna, tra i quali un libretto che include testi di approfondimento, infografiche, le vignette delle matite di Gomboli, Rebori e l’immancabile Diabolik e i messaggi dei testimonial Piero Angela, Marco Orsi – Vice campione mondiale di nuoto, Rebecca Tarlazzi – Campionessa Mondiale di Pattinaggio Artistico a rotelle e Orman Marval – ricevitore della Fortudo Baseball Unipolsai Bologna. Nei prossimi mesi eventi in diverse città italiane sperimenteranno “sul campo” l’approccio della creazione di strade complete con speciale attenzione proprio agli over 65, anche dando corpo ai lavori del  Tavolo nazionale per l’educazione stradale permanente che si concentra proprio su questa fascia di età. Tra l’altro alcune sperimentazioni sono già state avviate in alcune città italiane come a Udine con il progetto “Udine sta bene in strada”.

La campagna vive anche sui social e sul territorio nazionale con gli appuntamenti locali organizzati dai diversi aderenti.  Per fare un paso avanti verso strade complete!

DiSara Branchini

Città a misura di pedone over65

Al via il progetto sperimentale Udine sta bene in strada – ESPERTOver65 per la promozione della accessibilità e della camminabilità degli spazi urbani in particolare per over65

Costruire spazi della città vivibili e luoghi che favoriscano il camminare e la sosta pedonale, specialmente per i pedoni che hanno superato i 65 anni. È questo il cuore del progetto sperimentale Udine sta bene in strada – ESPERTOver65, partito negli scorsi giorni a Udine e promosso dai Sindacati Pensionati confederali (SPI Cgil, FNP Cisl, UILP Uil) insieme al Centro Antartide di Bologna e al Comune di Udine, che si sviluppa a partire dall’omonimo Tavolo attivo presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Quello che accadrà nelle prossime settimane a Udine sarà la sperimentazione di attività e interventi che da una parte avranno la finalità di migliorare l’accessibilità in città considerando in particolare la sicurezza e la sostenibilità degli spostamenti degli Over65 (ma non solo) e dall’altra promuoveranno la socialità e vivibilità degli spazi pubblici in città per tutti in un’ottica di benessere.
L’obiettivo è quello di mettere a punto e sperimentare un modello di lavoro che sia interdisciplinare ed intersettoriale e che unisca cioè le competenze e le attività degli Uffici Tecnici Comunali (Progetto O.M.S. Città Sane, Ufficio Agenda 21, Agenzia Politiche ambientali e gestione energetica) e le rappresentanze locali dei sindacati dei pensionati insieme agli altri attori cittadini in una strategia che vede la partecipazione attiva di tutti e che si inserisce tra le tante azioni messe in atto dall’amministrazione per la promozione della salute e di un invecchiamento sano e attivo.
Udine sta bene in strada – ESPERTOver65 promuove in questo senso analisi e letture del territorio dal basso accanto alla valutazione e pianificazione di interventi, temporanei e permanenti, di miglioramento dell’accessibilità, della vivibilità degli spazi urbani e della qualità ambientale.

Gli Over 65 residenti nella città di Udine sono più di un quarto della popolazione, quasi 26.000 persone, e di queste una crescente percentuale manifesta disagio o difficoltà nel muoversi a piedi in città anche per piccoli spostamenti. È invece ormai riconosciuto a livello scientifico come l’abitudine di camminare, possibilmente a passo sostenuto, anche solo per pochi minuti al giorno ha un effetto benefico sulla prevenzione di malattie quali diabete di tipo 2 (riduzioni 35-50%), fratture dell’anca (- 36-68%), Alzheimer (-20-35%) ma anche sul benessere psicofisico senza contare i vantaggi sociali che lo spostarsi a piedi ha sulle relazioni che si riescono a sviluppare in città.

Udine sta bene in strada – ESPERTOver65 è un progetto che si svilupperà in più fasi avvalendosi degli approcci della partecipAzione, della Ricerca-Azione e dell’urbanismo tattico. Una metodologia finalizzata a fare in modo che il processo di costituzione di un Tavolo permanente dedicato a questo tipo di attività diventi, a tutti gli effetti, occasione per modificare e migliorare il proprio territorio verificando da subito limiti e potenzialità in ottica di risultato.
Per questa prima fase sperimentale le attività si concentreranno su due aree: una nel centro storico, Piazza San Cristoforo, e una in periferia, Quartiere Aurora e via Cividale.
Il prossimo appuntamento pubblico è previsto per la giornata di giovedì 15 marzo dalle ore 10 alle ore 12 con una passeggiata di quartiere (un percorso di esplorazione dove i cittadini analizzano la loro percezione degli spazi) nella zona di Piazza San Cristoforo.

DiSara Branchini

Passeggiata di salute ad alta visibilità a Bologna

Giovedì 21 dicembre sarà la giornata più “corta” dell’anno: Siamo Tutti Pedoni, la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada promossa dal Centro Antartide e dai sindacati pensionati SPI CGIL, FNP CISL e UILP, coglie l’occasione di questo solstizio d’inverno per rimettere al centro il tema della visibilità per quanto riguarda la sicurezza dei pedoni, che proprio nei mesi invernali vede il momento di rischio più alto.

Insieme al Centro Antartide i rappresentanti cittadini dei sindacati pensionati SPI CGIL, FNP CISL e UILP, WWF Bologna e Legambiente Bologna si uniranno per questo alla camminata sportiva settimanale di MuoviBO, il progetto di passeggiate “a passo spedito” che uniscono  mobilità pedonale, salute, socialità e conoscenza della città in percorsi che sono vere e proprie Metropolitane pedonali. La camminata di questo giovedì sarà preceduta dalla distribuzione delle fascette catarifrangenti di Siamo Tutti Pedoni e sarà dedicata proprio alla promozione della pedonalità in città e al tema del camminare in città in sicurezza.

La Metropolitana parte puntuale alle 18.30 da piazza VIII Agosto con due capigruppo, per poter seguire due diversi “passi”: il percorso si snoda per le vie del Centro per arrivare in piazza Re Enzo alle 19.37.

 

DiSara Branchini

Al via la nona edizione di Siamo Tutti Pedoni: al centro al rigenerazione urbana

Torna anche quest’anno la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada Siamo Tutti Pedoni, promossa dal Centro Antartide di Bologna e dai sindacati pensionati SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil con il patrocinio di: Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero della Salute, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Anci e Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale della Regione Emilia-Romagna.

Nonostante la diminuzione del numero di morti e di incidenti stradali complessivo degli ultimi 5 anni, le nostre città si rivelano spazi ancora pericolosi e di difficile convivenza tra i diversi utenti della strada. Quasi la metà delle vittime della strada complessive (il 44,5 %) tra pedoni, ciclisti, automobilisti e motociclisti perde la vita nei nostri centri urbani. Tra le persone che ogni anno perdono la vita in incidenti stradali in Italia, i pedoni continuano ad essere un gruppo particolarmente vulnerabile e rappresentano più di un sesto del totale: sono 570 le persone che solo nel 2016 sono rimaste vittima di incidenti stradali mentre si spostavano a piedi. Un numero, per intenderci, equivalente al totale di tutti i passeggeri di un treno ad alta velocità, a pieno carico. Di questi il 62% ha più di 65 anni, a dimostrazione che i più anziani sono la categoria a maggiore rischio. 275 sono invece le vittime tra i ciclisti per il 2016. Tra l’altro le prime anticipazioni sui dati 2017 sembrano segnare un nuovo dato negativo.

Si conferma quindi la necessità di proseguire questa iniziativa, giunta quest’anno alla sua nona edizione a cui hanno aderito decine di soggetti su tutto il territorio nazionale tra amministrazioni comunali, associazioni, aziende sanitarie locali e portali di informazione, ma si è deciso di allargare lo sguardo dalla sicurezza stradale ad una più ampia visione sulle nostre città e sulla vita negli spazi pubblici. Da qui il tema “Rigeneriamo la città” di questa edizione che si concentra proprio sul tema della rigenerazione urbana.

Per garantire un sano sviluppo delle nostre comunità è infatti necessario modificare le città nel profondo, immaginando nuove visioni ed infrastrutture che incentivino e facilitino gli spostamenti a piedi, in bicicletta o con i mezzi di trasporto pubblico, mettendo in discussione la priorità avuta finora dall’auto privata nella progettazione,  e promuovendo parallelamente la riscoperta della vita di comunità negli spazi pubblici e di prossimità. Cominciando a parlare ma anche applicare gli indicatori del benessere in strada per migliorare, nella sua interezza, la vita in tutti gli spazi della città dal punto di vista della sicurezza ma anche della salute e della coesione sociale. Elementi chiave questi dell’Agenda 2030 o delle linee guida sullo sviluppo urbano dell’ONU come driver per la prosperità delle città.

Il simbolo scelto per condensare questa visione è la panchina, immagine caratterizzante di questa edizione, luogo di relazioni, di fruizione sostenibile delle città e anche, parlando di anziani, elemento essenziale per permettere a chi ha difficoltà negli spostamenti di muoversi in autonomia con qualche piacevole sosta.

La campagna, che parte in questi giorni di passaggio tra autunno e inverno che rappresentano il periodo più pericoloso dell’anno per gli utenti vulnerabili, si compone di una serie di azioni, a partire dalla diffusione nazionale della pubblicazione “Rigeneriamo la città” che include approfondimenti sul rapporto tra mobilità in città, salute sicurezza e vivibilità, dati dell’OMS su bambini e movimento autonomo in città, accanto ai consigli dei testimonial, primo fra tutti Piero Angela, vignette, illustrazioni e infografiche sulla mobilità pedonale.

Siamo Tutti Pedoni proseguirà con eventi dedicati nelle varie città aderenti, con l’attività sulla pagina Facebook e sui social, e soprattutto culminerà in primavera con la realizzazione di una serie di interventi di “urbanismo tattico” in alcune città proprio per sperimentare sul territorio nazionale pratiche di rigenerazione urbana temporanee e a basso costo che coinvolgeranno i cittadini nella riappropriazione di alcuni spazi dedicati alla mobilità dolce e alla socialità urbana.  Rigeneriamo le città per rigenerare le nostre comunità!

DiSara Branchini

La panchina

La panchina, luogo di relazioni, per riscoprire e valorizzare la vita di comunità negli spazi pubblici ed una fruizione sicura e sostenibile delle città ed  elemento essenziale per permettere a chi ha difficoltà negli spostamenti di muoversi in autonomia con qualche piacevole sosta è il simbolo scelto per condensare la visione che sta dietro alla campagna 2017.

DiSara Branchini

Una campagna partecipata

Siamo Tutti Pedoni si evolve di anno in anno e si arricchisce di contenuti sempre nuovi. Dalla centralità assegnata fin dalle prime edizioni alla sicurezza stradale dei pedoni, soprattutto over65, e degli altri utenti della strada ad azione concreta per rilanciare azioni di cittadinanza e di riappropriazione degli spazi di convivenza tra diversi utenti della strada.

DiSara Branchini

Nove anni di Siamo Tutti Pedoni

Attività di rigenerazione urbana, eventi di comunicAzione, laboratori nelle scuole, messaggi di testimonial e materiali di approfondimento: da quasi 10 anni Siamo Tutti Pedoni raccoglie in un’azione corale tutti i soggetti attivi nello studio e nelle iniziative legate alla mobilità dolce, sostenibile e agli utenti vulnerabili della strada

DiSara Branchini

Rigeneriamo la città

Questa nona edizione della campagna “Siamo tutti pedoni” vuole affermare la necessità di uno sguardo più ampio nell’affrontare i temi della sicurezza dei pedoni e degli altri utenti vulnerabili della strada. Per garantire un sano sviluppo delle nostre comunità è necessario modificare le nostre città. Oggi sono progettate e strutturate sull’uso prevalente dell’auto privata e dobbiamo rigenerarle con nuove visioni ed infrastrutture che incentivino e facilitino gli spostamenti a piedi o in bicicletta e quindi con i mezzi di trasporto pubblico.
E’ necessario anche riscoprire e valorizzare la vita di comunità negli spazi pubblici.
Creare le condizioni per vivere in sicurezza nelle strade e nei giardini ha un impatto sulla salute collettiva: dalla riduzione dei morti e feriti sulle strade, alla riduzione dell’inquinamento dell’aria, dalla riduzione dei rischi per la salute dovuti anche alla vita sedentaria, allo sviluppo di un’economia di prossimità. Il simbolo che abbiamo scelto per racchiudere i principi di questo processo di ripensamento delle nostre città è la panchina, luogo di relazioni, ma anche di fruizione sostenibile delle città. Le panchine sono anche uno dei fattori che permettono di muoversi a piedi in autonomia anche a chi ha difficoltà negli spostamenti. E allora l’invito che lanciamo è, da una parte, quello di contribuire allo sviluppo e messa in pratica di visioni di città a dimensione di pedone; dall’altra, per ciascuno di noi, di “dare gambe” a nuove modalità di fruizione degli spazi pubblici delle nostre città.

Rigeneriamo le città per rigenerare le nostre comunità!

Marco Pollastri, Vice Presidente Centro Antartide